Partner

DISAFA

DISAFA è il più rilevante centro di ricerca nel settore in Piemonte ed è sede di ricerca sulla produzione primaria ed sulla trasformazione di vegetali e animali, oltre che delle interazioni di tali attività con il territorio e l’ambiente. In particolare il DISAFA è impegnato nella ricerca di strategie per il miglioramento della sostenibilità, della qualità e dell’innovazione nel settore agro-alimentare e forestale, con un approccio multidisciplinare e olistico nei più rilevanti e critici ambiti dello sviluppo sostenibile.

L’attività di didattica, ricerca e terza missione è condotta da 120 ricercatori, oltre 150 dottorandi e borsisti e 50 tecnici della ricerca, che prestano attualmente servizio presso il dipartimento.

Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA)
Largo Braccini 2, 10095, Grugliasco (TO).

Referenti e contatti:
Prof. Massimo Blandino
Telefono 0116708895
massimo.blandino@unito.it.

Prof. Laura Zavattaro
Telefono 011 6708786
laura.zavattaro@unito.it

Prof. Amedeo Reyneri
Telefono 0116708778
amedeo.reyneri@unito.it

Dott. Raffaele Meloni
Telefono 0116708833
raffaele.meloni@unito.it

disafa.unito.it

OI pomodoro da industria Nord Italia

L’OI Pomodoro da Industria del Nord Italia è l’Organizzazione Interprofessionale interregionale riconosciuta dal Ministero delle Politiche Agricole nel 2017 e dalla Direzione Generale Agricoltura e Sviluppo Rurale dell’Unione Europea nel 2012.

L’OI associa i soggetti economici della filiera del pomodoro del Nord Italia – nello specifico nelle regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto e nella provincia autonoma di Bolzano – con ripartizione paritaria dei voti fra la componente di produzione agricola e quella di trasformazione.

In quest’area, ogni anno, sono coltivati circa 37mila ettari di pomodoro da industria con il coinvolgimento di circa 2mila produttori agricoli (raggruppati in 13 Op, organizzazioni di produttori) e 24 stabilimenti di trasformazione (facenti capo a 19 diverse imprese) per la lavorazione di circa 2,7 milioni di tonnellate di pomodoro grazie alle quali è possibile produrre concentrati, polpe e passate.

I soci ordinari dell’OI – cioè i soggetti con potere di voto nell’organizzazione e che determinano la governance della filiera – sono per il 50% espressione della componente agricola (Op, Op di autotrasformazione e organizzazioni professionali) e per il 50% espressione della componente di trasformazione (imprese cooperative, imprese private e loro organizzazioni di rappresentanza). Nell’OI sono coinvolti anche, in qualità di soci consultivi, le camere di commercio e i centri di ricerca di riferimento del settore.

Scopo dell’OI è quello di rafforzare la posizione competitiva del sistema produttivo del pomodoro del Nord Italia favorendo il confronto, il coordinamento e la cooperazione tra i soggetti della filiera, tenendo conto anche degli interessi dei consumatori finali.

Indirizzo: Viale F. Tanara 31/a 43121 Parma – Italia

Referenti e contatti:
Referenti: Antonio Petrone e Gloria Zini
Tel.: 0521942470

oipomodoronorditalia.it

Agrion

La Fondazione è il Centro regionale di ricerca, promuove e realizza la ricerca, l’innovazione e lo sviluppo tecnologico, con particolare riguardo ai temi della qualità, della sicurezza alimentare, della sostenibilità economica e ambientale e della valorizzazione del territorio piemontese. Lo Statuto stabilisce obiettivi importanti, in linea con i principi della agricoltura sostenibile e prevede ricadute significative per il sistema agroalimentare regionale. La Fondazione svolge una funzione precisa, consistente nella ricerca applicata, quella parte della ricerca più prossima a trasformarsi in innovazione. L’attività si colloca in una fascia compresa tra la ricerca applicata e il trasferimento tecnologico. La Fondazione Agrion è parte della rete di ricerca nazionale e internazionale creata per attivare sinergie tra le diverse aree di studio. Organizza la domanda di ricerca in base alle richieste pervenute dalle filiere e le traduce in programmi di ricerca applicati. Prendendo parte a svariati gruppi di lavoro contribuisce a portare sul territorio le più recenti innovazioni tecniche.

Un’altra importante parte delle attività della Fondazione è legata al coordinamento delle attività dei tecnici delle Organizzazioni Professionali e dei Produttori ai quali fornisce: aggiornamenti tecnici, modelli matematici previsionali, supporto diagnostico e aggiornamenti normativi.

Agrion è organizzata in quattro sedi operative attrezzate con aziende sperimentali e laboratori, ognuna con le proprie peculiarità ma unite da percorsi di ricerca focalizzati su: innovazione varietale, architettura e gestione delle colture, difesa integrata e biologica dalle avversità, tecniche colturali ecosostenibili, valorizzazione del germoplasma locale, qualità e post-raccolta delle produzioni.

Il centro ricerche per la frutticoltura a Manta (Cn) che è anche la sede amministrativa.
Il centro per l’orticoltura e i piccoli frutti a Boves (Cn).
Il centro per la corilicoltura a Cravanzana (Cn).
Il centro per la vitivinicoltura a Carpeneto (Al).

Nel progetto MONITORA è coinvolto in particolare il centro per l’orticoltura e i piccoli frutti a Boves. Gli ambiti in cui si articola l’attività di ricerca dell’Orticoltura riguardano il confronto varietale, il recupero di ecotipi autoctoni e lo sviluppo e messa a punto di tecniche agronomiche e strategie di difesa che garantiscano elevati standard qualitativi minimizzando l’impatto ambientale e valorizzando i concetti di “sostenibilità ambientale” e “salubrità delle produzioni”.

Indirizzo: Via Falicetto, 24 – 12030 Manta (CN)

Referenti e contatti:
Tel.: 0175/1953030
Cristiano Carli:  c.carli@agrion.it
Cel.  335/7537126

www.agrion.it

Cascina Ortoni

Situata nella pianura alessandrina, a pochi passi dalla confluenza tra Po e Tanaro, Cascina Ortoni, vuole essere un punto sinergico del fare agricoltura con stile e qualità. L’azienda punta alla messa in campo di un’orticultura 100% bio ed una virtuosa cerealicoltura.

indirizzo: via F.Mensi 4, 15040 Alluvioni Piovera (AL) – frazione Grava

Referenti:
Gaggio Riccardo: gaggioriccardo@gmail.com
Tel.: 3455093501

Cadir Lab

CADIR LAB nasce nel novembre del 1993, col contributo di soci del mondo produttivo alessandrino e SATA, come un centro di servizi e analisi di laboratorio per favorire la competitività dell’agricoltura, controllare e valorizzare le produzioni.

La stretta sinergia con SATA, Società di agronomi nata nel 1986, ha consentito di sviluppare l’attività analitica sino a raggiungere il posizionamento attuale: un laboratorio riconosciuto a livello nazionale per l’analisi di residui di prodotti fitosanitari e altri contaminanti a supporto dei controlli di filiera.

Cadir Lab opera oggi per tutti i diversi soggetti del settore agroalimentare: ditte di mezzi tecnici, aziende agricole, aziende di trasformazione, catene distributive, integrando la gamma dei servizi analitici offerti con controlli qualitativi, merceologici, organolettici e determinazioni orientate alla valorizzazione dei prodotti.

Indirizzo: Strada Alessandria 13, 15044 – Quargnento (AL)

Referenti e contatti:
Amministratore Delegato: Matteo Domenico Bosso
bosso@cadirlab.it
Tel.: +39 0131 219696

www.cadirlab.it

Agroinnova

Agroinnova, Centro di Competenza per l’innovazione in campo agro-ambientale Università degli Studi di Torino.

Istituito nel 2002 presso l’Università degli Studi di Torino, Agroinnova, il Centro di Competenza per l’Innovazione in campo agro-ambientale, è considerato una delle eccellenze dell’innovazione pubblica sul territorio piemontese e non solo.

Tra le migliori strutture in Italia e in Europa nel campo della patologia vegetale, con ottomila metri quadrati a disposizione dei ricercatori, con serre e laboratori moderni il Centro situato nel Polo Universitario di Grugliasco considera da sempre come core-business la ricerca, di base e applicata, a cui dedica il 70% delle risorse, senza trascurare il trasferimento dei risultati al mondo operativo, la divulgazione delle conoscenze al pubblico e la formazione permanente.

Indirizzo:
Largo Braccini 2, 10095 Grugliasco (TO) Italy
Twitter: @agroinnova

Referenti e contatti:
Maria Lodovica Gullino: marialodovica.gullino@unito.it

www.agroinnova.unito.it